COSA È L'OSTEOPATIA

Lo scopo dell’osteopata è quello di ripristinare un equilibrio funzionale dell'organismo utilizzando le risorse dell’organismo stesso, indipendentemente dal tipo di patologia in atto.

Non si basa quindi esclusivamente sulle tecniche manipolative ma su un approccio globale al benessere della persona.

EFFICACIA

La sua maggior efficacia si riscontra nei disturbi funzionali ed in varie categorie di dolori, come ad esempio: 

  • I dolori, i disturbi e le patologie vertebrali ed osteo-articolari
  • I disturbi neurologici: nevralgie, disfunzioni neurovegetative e sensoriali
  • I disturbi viscerali
  • Patologie muscolari, articolari, legamentose, discali, degenerative, e gli esiti dei traumi (esempio: colpo di frusta)
  • Nel post-partum
  • Nel periodo post-operatorio
  • Il trattamento dei pazienti in età geriatrica
  • I disturbi motori e cerebrali infantili correlati con sofferenze durante il parto
  • I problemi occluso-posturali e ortodontici
  • Le disfunzioni cranio-mandibolari
  • I disturbi funzionali del sonno, della digestione, del ciclo mestruale
IN QUALI CASI E FINO A QUANDO L’OSTEOPATIA E’ UTILE?

Finchè l'organismo è in grado di attivare i processi di autoguarigione e di autoriparazione, e quindi di ripristinare l'omeostasi corporea e lo stato di salute, i vari tipi di patologie possono essere di competenza dell'Osteopatia. 

Quando la malattia raggiunge uno stadio tale da provocare danni anatomo-patologici così gravi da impedire i naturali processi autoriparativi, l'Osteopatia risulta inefficace. 

Il campo d'azione dell'Osteopatia è quello della medicina funzionale, e pertanto esclude tutte le urgenze mediche e le gravi lesioni anatomiche, che necessitano degli strumenti propri della medicina e chirurgia, non essendoci i tempi e i presupposti fisiopatologici per tentare di ristabilire un equilibrio funzionale.

In tutti gli altri casi, in cui è possibile combattere la malattia favorendo l'attivazione delle difese dell'organismo e i processi di autoguarigione, l'Osteopatia consente di recuperare uno stato di equilibrio funzionale senza timore di causare effetti collaterali indesiderati.